Come pulire i vetri senza aloni e senza fatica

finestre vetroLa pulizia dei vetri è un cruccio per molti. Con il passare del tempo infatti sui vetri si accumulano polvere, unto, sporco creato dagli insetti, calcare dato dalla pioggia. Togliere tutti questi elementi in un solo gesto non è semplice, anche perché spesso sono gli stessi prodotti spray per la pulizia, o i panni, a crearci i problemi maggiori, lasciando residui molto ben visibili. Esistono piccoli accorgimenti che permettono di avere vetri senza aloni e di rendere la pulizia delle finestre più semplice e rapida.

Come evitare gli aloni

I metodi che consentono di pulire i vetri senza creare alcun alone non sono molti e si basano tutti su un paio di considerazioni fondamentali: la pulizia va effettuata a fondo, eliminando tutte le sostanze che incrostano il vetro; inoltre si devono usare panni che non lascino pelucchi di qualsiasi genere. I prodotti migliori sono diversi a seconda dello sporco presente. Spesso si tende ad utilizzare detergenti sgrassanti: questi sono perfetti in cucina, o comunque nelle stanze in cui sono presenti nell’aria particelle di grasso. Allo stesso modo è importante usare prodotti che asciughino in fretta e privi di residui. C’è chi utilizza il classico sapone per i piatti, sciolto in acqua tiepida; seppure questo detergente abbia un ottimo potere pulente e sgrassante, c’è da considerare che un minimo errore nel dosaggio ci porta a dover sciacquare il vetro, con evidente inutile dispendio di energia. Meglio prediligere prodotti a base di alcool, che non lasciano aloni e che si asciugano alla perfezione molto rapidamente.

Panno o carta di giornale?

Le nostre nonne utilizzavano, per la pulizia dei vetri, la carta di giornale. L’inchiostro a base di piombo infatti aiutava a rimuovere anche lo sporco più ostinato e la carta asciugava gli eccessi di detergente senza lasciare aloni, a un costo minimo. Oggi le cose sono cambiate, prima di tutto perché gli inchiostri dei quotidiani non hanno la medesima composizione di un tempo, inoltre perché molti non acquistano alcun quotidiano, preferendo la lettura online. L’uso di panni in tessuto è poco conveniente, anche perché non appena il panno si inumidisce vanifica il suo scopo: per pulire più finestre si finisce per utilizzare tantissimi panni, che poi andranno lavati. Meglio quindi preferire l’uso di panni in carta usa e getta, come ad esempio Blitz. Si tratta di panni in carta a più veli, compatti e robusti, che permettono di eliminare qualsiasi problema di pelucchi o di umidità, in una sola passata.

Agire in fretta e con metodo

Per la pulizia perfetta dei vetri si comincia spolverando l’infisso in modo preciso e in tutte le sue parti, anche all’esterno. Quindi si spruzza il prodotto prescelto su una piccola zona del vetro e lo si passa subito, con movimenti circolari, in modo da rimuovere lo sporco e anche il detergente. Si continua così fino ad aver pulito l’intero vetro. Si controlla contro luce che non ci siano aloni, o zone in cui il singolo passaggio non sia stato sufficiente; in questo caso si passa nuovamente solo nella zona ancora imperfetta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *