Cosa fare dopo la pensione? Ecco dove trasferirsi

pensioniSiete vicini alla pensione, ma pensate di non restare in Italia per godervela? Probabilmente, la maggior parte di voi resterebbe accanto alla propria famiglia, cercando di sopravvivere e di togliersi gli ultimi sfizi. Una piccola percentuale, però, non ha nessuna intenzione di restare qui, e sta già pensando di fare le valigie: ecco, a questo proposito, i luoghi più agognati in cui è auspicabile passare gli anni della propria pensione.

Già, perché alcuni paesi sono considerati dei veri e propri paradisi per chi va in pensione: vediamo, quindi, questa speciale classifica.

Partiamo dalle ultime posizioni, dove troviamo la Thailandia (al decimo posto), e l’Uruguay (al nono). In entrambe i casi parliamo di paesi caratterizzati da spiagge bellissime, bellezze storiche particolari, e ottimo cibo. Non solo: in questi paesi il costo della vita è molto basso.

Proseguendo troviamo all’ottavo posto l’isoletta di Malta: situata nel cuore del Mediterraneo, si può dire che questo paese offre il comfort italiano unito ad un clima decisamente mite e a bellezze artistiche non indifferenti.

Il settimo e il sesto posto sono occupati rispettivamente da Messico e dalla Colombia. Nel primo caso parliamo del Paese del sonnellino, dove la pacatezza e il relax sono proprio di casa. In Colombia, tra l’altro, il costo della vita è davvero molto basso, e i luoghi incantanti non mancano di certo.

A metà classifica troviamo l’unico paese europeo di questa classifica: la Spagna. Le posizioni più calde di questa speciale classifica troviamo la Costa Rica, la Malesia e l’Ecuador. In questi luoghi speciali potrete sicuramente godere di panorami mozzafiato, cibo esotico e il tutto sensa spendere una buona parte della vostra pensione.

Tuttavia, il paese che garantisce una vita davvero agiata è solo uno: si tratta di Panama. Qui tutto costa poco, la sicurezza personale è garantita e le bellezze artistiche non mancano di certo. Insomma, un vero e  proprio paradiso adatto alle tasche di un neo pensionato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *