Ikea ricompra i vostri mobili

Ikea vuole comprare i vostri mobili e rivenderli usati a chi, magari, non si può permettere l’acquisto di nuovi complementi. Per il momento l’idea è un test, un esperimento pilota che partirà in Svizzera dove, l’anno prossimo, nella sede Ikea di Spreitenbach, non distante da Zurigo, il colosso svedese inizierà a vendere dei mobili di seconda mano.

“Dal primo gennaio – ha infatti dichiarato al settimanale NZZ amSonntag il portavoce del gruppo, Manuel Rotzinger – inizieremo a ritirare i mobili di cui la nostra clientela intende disfarsi”.

Come aggiunto ancora da Rotzinger, “l’esperimento riguarderà gli acquisti effettuati presso le nostre superfici di vendita che, a dipendenza del grado di usura, potremmo pagare fino al 60% del prezzo originale”.

Intuibilmente, come precisato da Ikea, il pagamento avverrà non in contanti, bensì con la corresponsione dei buoni Ikea, al fine di non far uscire la clientela dal circuito di vendita del gruppo svedese. L’usato, una delle finalità dell’operazione, tornerà invece sul mercato per poter accontentare la clientela meno fortunata e meno abbiente, permettendo così di far arrivare i prodotti Ikea anche nelle case di quelle famiglie che, per questioni di budget, non riuscirebbero a far proprio l’arredo desiderato.

Certo è che anche dinanzi a una buona idea come questa non mancano le critiche. I più maligni sostengono in particolar modo che in questa maniera il gigante svedese finisce con l’alimentare un consumismo fine a sè stesso. Che tuttavia – precisa il quotidiano La Repubblica – non è certo controproducente rispetto allo spirito originario di Ikea, con il fondatore che ha più volte dichiarato di vestirsi comprando solo usato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *