Incidente a impianto produzione BASF non rovina i target

basfBASF ha recentemente confermata i propri obiettivi e le proprie linee guida sul 2016 nonostante l’incidente all’impianto di produzione. Il Gruppo tedesco ha infatti ribadito i target di vendite e i profitti per l’intero anno, sebbene l’esplosione che ha colpito pochi giorni fa il suo più grande impianto di produzione abbia condizionato in maniera rilevante la logistica nell’intero gruppo, generando evidenti colli di bottiglia per produzione e distribuzione.

Al di là di ciò, è bene ricordare come le previsioni del top management siano ancora oggi piuttosto positive. Viene ammesso che, effettivamente, l’incidente potrà schiacciare ricavi e utili ma nel terzo trimestre i profitti hanno ricevuto un forte supporto dall’aumento dei ricavi legati ai prodotti chimici. In termini più puntuali la guidance fornita agli investitori stima un utile operativo solo leggermente inferiore a quello del 2015 sull’intero esercizio pur a fronte di una significativa attesa di calo per le vendite.

Rispetto alle concorrenti BASF ha adottato una strategia di differenziazione, evitando grandi commesse o fusioni e concentrandosi su margini e qualità. Con riferimento ai risultati del terzo trimestre l’utile netto si è attestato a 888 milioni di euro, in calo del 27 per cento su base annuale a causa del più basso prezzo del petrolio e di alcune svalutazioni iscritte a bilancio. L’EBIT (utile operativo) del Gruppo ha invece conosciuto una flessione del 5,4 per cento anno su anno a quota 1,5 miliardi di euro e il fatturato ha visto una contrazione del 20 per cento anno su anno a 14 miliardi di euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *