Pasqua 2015 a Perugia, cosa vedere nei dintorni

perugiaSe avete in programma di trascorrere la Santa Pasqua a Perugia cercate di trovare un po’ di tempo anche per visitare i dintorni: l’Umbria è una regione che ha molto da offrire, in primis agli amanti della buona cucina e dei bei panorami.

Personalmente, abbiamo alloggiato presso Torre della Botonta, a Castel Ritaldi (PG), un albergo diffuso situato all’interno del Castello di San Giovanni della Botonta, risalente al 1376, e distante poco meno di un’ora dal capoluogo umbro. Poco distante da Perugia sorge la Basilica di San Francesco di Assisi, una meta irrinunciabile soprattutto nel periodo Pasquale. Proprio per la grande calca che accompagna sempre questi eventi, è bene partire di buon’ora considerato che i posti macchina sono limitati e, anche parcheggiando in uno dei più vicini, bisognerà percorrere qualche centinaio di metri a piedi prima di poter raggiungere la Basilica.

Altra meta consigliatissima, a circa un’ora di macchina da Perugia, è la città di Orvieto. Visitate la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la cui costruzione richiese ben tre secoli di lavori: qui potrete ammirare le Cappelle di San Brizio e del Corporale, in riferimento al miracolo del corporale durante la Santa Messa di Bolsena del 1263.

TOUR NEI LUOGHI DI DON MATTEO 

Un’ottima maniera per terminare egregiamente la visita di Orvieto è ricorrere ad un altro punto di vista, ovvero sottoterra! La visita guidata Orvieto Underground vi permetterà di conoscere il sottosuolo di Orvieto, costellato da migliaia di cavità ricavate nel corso dei secoli per i più svariati scopi. Alcune cavità erano utilizzate come stoccaggio, altre adibite a frantoi o fornaci per la cottura dei vasi di terracotta.

Se avete ancora una giornata da dedicare all’Umbria, consigliatissima è la visita di Spoleto, quella che ormai a tutti gli effetti è considerata la città di Don Matteo. Difatti, in svariati luoghi della città ci sono cartelli che indicano i percorsi di Don Matteo e soprattutto la reale corrispondenza dei luoghi della fiction (per fare un esempio, la Rocca Albornoziana nella serie TV rappresenta il carcere della città).

Consigliata la visita della Casa Romana, attribuita a Vespasia Polla, madre di Vespasiano, e – per gli amanti della storia – del Museo Archeologico di Spoleto.

Prima di ripartire, dedicate mezza giornata a Spello – città nota soprattutto per la festa delle Infiorate (che si svolge in primavera, tra maggio e giugno) – e per gli stupendi scorci dall’alto del centro storico, nei pressi dell’Arco Romano.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *