Sigarette elettroniche, maggiore rischio di depressione

Con un report pubblicato lo scorso 4 dicembre 2019 su JAMA Network Open, i ricercatori hanno esaminato se esiste o meno un legame tra lo svapare con le sigarette elettroniche e la depressione.

In particolare, nello studio i ricercatori hanno esaminato i dati di 892.394 adulti statunitensi. I partecipanti sono stati intervistati casualmente per telefono e i ricercatori hanno chiesto loro informazioni sull’uso delle sigarette elettroniche e sulla loro storia di depressione.

Quando i ricercatori hanno analizzato i dati, hanno scoperto che le persone che hanno vaporizzato – sia quelle attuali che quelle precedenti – avevano maggiori probabilità di riportare una storia di depressione. Inoltre, più spesso una persona vaporizzava, maggiori erano le probabilità che avesse avuto la depressione.

Gli autori ritengono che la nicotina possa essere la causa di questo effetto.

L’esposizione alla nicotina per un lungo periodo di tempo può interrompere la via della dopamina cerebrale, aumentare la sensibilità allo stress e disturbare i meccanismi di reazione che normalmente aiutano a proteggersi dalla depressione, dicono gli autori.

Le sigarette elettroniche contengono anche altri contaminanti, come i metalli in tracce, che possono influenzare il sistema nervoso, contribuendo potenzialmente alla depressione.

Gli autori sottolineano inoltre che le sigarette elettroniche possono anche contenere alcune nitrosammine e composti organici volatili comunemente presenti nei prodotti tradizionali del tabacco, sostanze note per interferire con il metabolismo di diversi farmaci psichiatrici, riducendo i loro livelli nel sangue. Questo suggerisce che le sigarette elettroniche potrebbero agire in modo simile, interferendo potenzialmente con i trattamenti della depressione.

Ad ogni modo, non è chiaro dallo studio se la vaporizzazione fosse responsabile della depressione dei partecipanti o viceversa, affermano gli autori. Le persone con depressione esistente potrebbero essere vaporizzate perché depresse.

Insomma, sebbene la causalità non può essere implicita in questo studio, è preoccupante scoprire questa relazione, anche a fronte dell’impennata del numero di giovani adulti che usano sigarette elettroniche.

Nello studio i ricercatori concludono rammentano come l’esperienza clinica nel trattamento dei giovani con la depressione e l’uso di nicotina attraverso le sigarette elettroniche rispecchia le rilevazioni statistiche ora conseguite. E sebbene questo studio riguardi solo gli adulti e siano necessari ulteriori studi longitudinali per confermare la causalità, gli autori ritengono che queste informazioni diano motivo di agire per limitare ulteriormente l’uso delle e-sigarette da parte di adolescenti e giovani adulti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi