World Vegan Day: una giornata dedicata al veganesimo

veganIl 1 novembre 2016 si è tenuto il World Vegan Day, la giornata dell’anno dedicata al veganesimo, ossia lo stile di vita – prima ancora che alimentare – basato proprio sul rispetto degli animali e di ogni forma di evitamento delle torture e delle sofferenze ai danni di questi ultimi, sempre più deboli e maltrattati.

Perché il veganesimo non è solo una forma di alimentazione che elimina ogni alimento di origine animale – quindi, non solo carne, ma anche latte, uova, e tutto ciò che è di derivazione animale – ma è anche una forma di tutela che va contro ogni tipo di violenza o di sfruttamento. A definire l’importanza di eliminare le torture agli animali, evitando così anche i derivati non solo da un punto di vista alimentare ma sotto ogni profilo – vietate, per i vegani, anche borse in pelle e tutto ciò che può derivare da un uso o sfruttamento dell’animale – è stato Donald Watson, attivista che nel 1944 si allontanò dal Vegetarianesimo fondando una Società basata proprio su una ancor più importante tutela degli interessi degli animali.

E così, ogni 1 novembre si festeggia, attraverso azioni che possono essere dimostrative o comunque indicative dello stile di vita del vegano, la Giornata Mondiale dedicata allo stile di vita Vegan, di cui ci si propone anche di spiegare, anche attraverso degustazioni ed esempi culinari, cosa effettivamente significhi mangiare secondo i dettami della filosofia basata da Watson. E proprio in risposta a chi sostiene che il veganesimo sia un’alimentazione poco adatta ai gusti ed alle necessità di chi è abituato a mangiare “un po’ di tutto”, le degustazioni che possono essere presentate durante queste giornate dedicate alla cucina vegana rappresentano un’opportunità per fare conoscere gli elementi di base di questa cucina ma anche per far capire che essa può portare e presentare piatti molto gustosi.

Come ad esempio crocchette di verdure, che eliminano l’uso di latte, burro, e uova, attraverso l’utilizzo di alimenti che fungono da validi sostitutivi, oppure burger di verdure, in cui gli alimenti principali sono sì le proteine, ma quelle vegetali fornite dai legumi.

Se oggi esiste una Giornata Mondiale dedicata al veganesimo significa che esistono molte persone che apprezzano questo stile di vita: e la ricercatezza di ristoranti come http://www.radicetonda.it/cucina-vegana-milano dimostra che il veganesimo accoglie tra le sue fila un numero sempre maggiore di persone, disposte ad abbandonare una vecchia e non salutare cucina, per lasciare lo spazio ad alimenti sani, gustosi, e che non facciano male né all’uomo, né agli animali.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *