Banca d’Italia e Consob, come cambia il ruolo di vigilanza

La direttiva MiFID II ha impattato positivamente sulla vigilanza, in Italia ripartita tradizionalmente tra Bankitalia e Consob. Ma in che modo cambia il ruolo di queste due istituzioni?

Iniziamo da Bankitalia, che è tenutaria della c.d. Vigilanza regolamentare, con conferma della disciplina di alcuni obblighi dei soggetti abilitati alla prestazione dei servizi e delle attività di investimento e alla gestione collettiva del risparmio con riferimento all’organizzazione interna e al governo societario, quali i requisiti di organizzazione, i sistemi di remunerazione e di incentivazione, l’audit interno, la responsabilità dell’alta dirigenza e l’esternalizzazione di funzioni operative essenziali o importanti o di servizi o di attività.

Di fianco alla Banca d’Italia il legislatore ha previsto il ruolo della Consob, cui è affidata la disciplina della prestazione dei servizi e delle attività di investimento e alla gestione collettiva del risparmio con riferimento agli aspetti pratici e operativi, con particolare riguardo – tra l’altro – alle procedure, anche di controllo interno, per la corretta e trasparente prestazione dei servizi e delle attività di investimento e di gestione collettiva del risparmio, nonché al trattamento dei reclami, alla gestione dei conflitti di interesse

potenzialmente pregiudizievoli per i clienti, alla conoscenza e competenza delle persone fisiche che forniscono consulenza alla clientela.

Naturalmente, se da un punto di vista teorico l’attribuzione dei poteri di vigilanza a tali soggetti non determina certamente dei malumori, gli analisti (e gli utenti dei servizi finanziari) preferiscono attendere il passare dei prossimi mesi per poter comprendere in che modo, effettivamente, l’efficacia del ruolo di tali due enti avrà modo di esplicitarsi nel concreto, visto e considerato che negli ultimi anni non sono state rare le ipotesi in cui la vigilanza esercitata da Bankitalia e Consob non abbia funzionato a dovere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *