BMW chiude trimestre oltre le attese

BMWBMW ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con un utile operativo sopra le attese dei principali analisti di mercato. Di fatti, il noto gruppo automobilistico tedesco ha potuto registrare una nuova crescita dell’utile operativo nel corso del periodo a noi più vicino, in virtù principale dell’aumento delle vendite del nuovo modello della X1 e grazie altresì a una attenta politica di contenimento dei costi.

In maniera ancora più dettagliata, l’EBIT si è attestato a 2,73 miliardi di euro, dai 2,53 miliardi di euro conseguiti nell’analogo periodo del precedente esercizio, superando nel contempo anche le attese di consenso che si fermavano su un valore di 2,67 miliardi di euro.

Dopo aver perso il primato mondiale nel segmento del lusso, BMW ha ben pensato di rivedere la propria strategia focalizzandosi sul miglioramento della profittabilità di bilancio, potenziando nel contempo lo sviluppo tecnologico delle vetture. L’Ebit Margin della sola divisione auto si è attestato al 9,5 per cento, superando anche in questo caso le attese di mercato che risultavano pari al 9,1 per cento.

Nel periodo considerato, i ricavi si sono attestati a 25,01 miliardi di euro, in progresso su
base annua del 4,5 per cento, con l’utile netto che è così cresciuto dell’11,9 per cento a 1,9 miliardi di euro, registrando in tal modo un nuovo record per il gruppo. Sulla scorta dei risultati ottenuti, BMW ha così potuto ben confermare gli obiettivi per l’intero esercizio, stimando una moderata crescita dell’utile ante imposte e di un’incidenza dell’utile operativo sul fatturato compresa tra l’8 per cento e il 10 per cento, per livelli che sembrano ora alla buona portata dell’azienda tedesca.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *