Quali sono gli effetti collaterali degli antinfiammatori FANS?

compresseCome suggerisce il nome, i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono farmaci che riducono l’infiammazione, ma differiscono e si distanziano dai farmaci steroidei come il cortisone. I FANS agiscono riducendo la produzione di prostaglandine. Le prostaglandine sono sostanze chimiche che promuovono l’infiammazione, il dolore e la febbre. Le prostaglandine proteggono anche il rivestimento dello stomaco e dell’intestino dagli effetti dannosi dell’acido cloridrico, favoriscono la coagulazione del sangue attivando le piastrine, e promuovono la normale funzione dei reni. I farmaci antinfiammatori FANS differiscono in potenza e durata d’azione. Essi differiscono anche nella loro tendenza a causare ulcere e sanguinamento. L’aspirina è l’unico FANS che inibisce la coagulazione del sangue per un periodo prolungato di tempo, da quattro a sette giorni, ed è quindi efficace nella prevenzione di coaguli che causano infarti e ictus.

Gli effetti collaterali più comuni sono:

  • vomito,

  • nausea,

  • costipazione,

  • diarrea,

  • riduzione dell’appetito,

  • cefalea,

  • vertigini,

  • eruzioni cutanee e

  • sonnolenza.

I FANS possono anche causare gonfiore delle braccia e delle gambe a causa della ritenzione di liquidi causata dai loro effetti renali.

Gli effetti collaterali più gravi sono ulcere, sanguinamento, insufficienza renale, e, raramente, insufficienza epatica.

Gli individui allergici ai FANS possono sperimentare problemi respiratori dopo l’assunzione.

Le persone con asma sono a più alto rischio di sperimentare gravi reazioni allergiche ai FANS.

La somministrazione di aspirina a bambini o adolescenti con varicella o influenza è stata associata con la sindrome di Reye, una malattia grave e potenzialmente fatale del fegato. Pertanto, l’aspirina e i salicilati, ad esempio, salsalato (Dislacid), non dovrebbero essere usati nei bambini e negli adolescenti con varicella o influenza sospetta o confermata. I FANS (eccetto l’aspirina) possono aumentare il rischio di attacchi di cuore, ictus e patologie correlate, il che può essere fatale. Questo rischio può aumentare con il perdurare dell’utilizzo e nei pazienti che hanno fattori di rischio per patologie del cuore e dei vasi sanguigni.

Gli antinfiammatori FANS causano un aumento del rischio di reazioni avverse gravi, anche mortali, a carico di stomaco e dell’intestino come sanguinamento, ulcere, e la perforazione dello stomaco o dell’intestino. Questi eventi possono verificarsi in qualsiasi momento durante il trattamento e apparentemente senza sintomi. I pazienti anziani sono più a rischio per questo tipo di reazione. Anche basse dosi di aspirina, meno di 325 mg / die, prese per prevenire infarti e ictus, sono associate con reazioni avverse allo stomaco e all’intestino.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *