Starbucks trova casa in Italia: a Milano verrà aperto il primo negozio?

starbucksStarbucks approda in Italia, e più precisamente a Milano. La notizia, riportata nei giorni scorsi dal Corriere della Sera, sembra avere fondamenta ben radicate. La firma per l’accordo di franchising dovrebbe arrivare entro Natale. Ma ripercorriamo la storia di questa catena americana.

Il suo fondatore è Howard Schultz: l’uomo, proprio in Italia, ideò il suo progetto, ovvero vendere caffè d’asporto. L’idea venne portata in America, ed adattata alla clientela del luogo. Il successo, come è noto, fu davvero epocale: Starbucks, ad oggi, è una delle catene di caffetterie più rinomate ed apprezzate del paese, e vanta numerosi store sparsi in tutto il mondo.Tranne che in Italia.

La situazione, però, potrebbe cambiare nel 2016, quando dovrebbe aprire il primo negozio a Milano. Dietro a questa operazione c’è Antonio Percassi, ovvero l’imprenditore che ha portato in italia anche un altro brand. Stiamo parlando di Victoria’s Secret.

Grazie al suo intervento, infatti, il noto marchio è approdato nel quadrilatero della moda meneghina, aprendo ben due store. Uno in via Torino e uno in corso Vercelli. Ma chi è Antonio Percassi? E, soprattutto, come riesce a raggiungere obiettivi considerati da tutti irraggiungibili?

Antonio Percassi è, da sempre, considerato il guru dei centri commerciali, e fino ad oggi il suo intuito non ha mai sbagliato. L’obiettivo dell’imprenditore (nonchè presidente dell’Atalanta) e di Schultz è di riportare l’idea originaria del caffè d’asporto, proprio dal punto in cui è partita: il negozio a Milano, quindi, nasce come punto di incontro per professionisti e avvocati che sono in cerca di un angolo privato per parlare. Non solo:questo deve essere dotato di connessione wi-fi funzionante.

Entro Natale, quindi, i due imprenditori dovrebbero firmare il loro accordo, e per il 2016 potremo finalmente gustarci un bicchiere extra large di Frappuccino Made in…Usa! La prima caffetteria Starbucks in Italia avrà il tanto sperato successo?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *