L’alimentazione nelle donne in gravidanza e allattamento

Il momento migliore per iniziare a pensare ad una buona alimentazione è prima che una donna rimanga incinta, perché in questo modo potrà essere certa che il suo bambino avrà tutte le sostanze nutritive essenziali dal momento del concepimento. I bambini nati con scarso peso hanno infatti maggiori probabilità di sviluppare problemi di salute e le future mamme possono contribuire ad evitare che ciò si verifichi mangiando una dieta sana ed equilibrata.

Le donne che sono sottopeso del 15% o più presentano un rischio particolare per una gravidanza e un parto difficile. Prima di rimanere incinta, meglio dunque parlare con il proprio medico dell’eventuale bisogno di integratori e in particolar modo di un integratore di acido folico. Medici e scienziati concordano sul fatto che l’uso di integratori di acido folico può ridurre il verificarsi di un difetto alla nascita chiamato difetto del tubo neurale (una forma di questo difetto è la spina bifida, una chiusura incompleta della colonna vertebrale).

Si tenga anche conto che i livelli di folati possono essere influenzati dal consumo di alcol e dal fumo di sigarette, entrambi tossici per il feto in via di sviluppo e non dovrebbero essere usati durante la gravidanza.

Per quanto concerne le migliori fonti dietetiche di acido folico, queste includono cereali da colazione “fortificati” e prodotti a base di cereali arricchiti. Il folato (la forma naturale di questa vitamina che si trova negli alimenti) si trova nelle verdure a foglia verde, arance e pompelmo, piselli dagli occhi neri, fagioli e altri legumi secchi cotti. Anche se si segue una dieta equilibrata, si consiglia di assumere vitamine prenatali.

Infine, rammentiamo come la ricerca abbia dimostrato che le donne che hanno un peso normale al momento del concepimento hanno le gravidanze più sane e i bambini se guadagnano dai 25 ai 35 chili. Le donne che sono sottopeso possono avere bisogno di aumentare di peso. Durante il primo trimestre, le calorie aggiuntive potrebbero non essere necessarie. È importante, tuttavia, assicurarsi che la dieta fornisca la migliore nutrizione possibile per te e per il tuo bambino non ancora nato. Nel secondo e nel terzo trimestre, avrai bisogno di circa 300 calorie in più al giorno oltre alla tua normale dieta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *